SCUOLA DI SHIATSU FREQUENZA SPECIFICA

  • Fuoco

    FUOCO EXPERIENCE (anno 2017-2018):

    Percorso avvincente e stimolante suddiviso in 4 lezioni, nelle quali si andranno ad approfondire Moxa e Coppettazione

    vai al master
  • METALLO EXPERIENCE

    4 appuntamenti per approfondire 5 diverse diagnosi: palpatoria,kinesiologica, radioestesica, del campo bioenergetico, lettura intuitiva del corpo, e armonizzare polmpone, intestino, fegato e articolazioni

    vai al master
  • Acqua

    ACQUA EXPERIENCE

    4 appuntamenti di approfondimento per: • Tecnica cranio-sacrale • Lavoro sui diaframmi • Blocco/Sblocco vertebrale • Blocco/Sblocco viscerale • Lavoro sui ventricoli cerebrali - • Lavoro sui ventricoli cerebrali vai al master

  • Terra

    TERRA EXPERIENCE

    4 appuntamenti di approfondimento tramite lo shiatsu e altre diverse tecniche secondo gli insegnamenti dei maestri Oki, Yugi e Sasaki.

    vai al master

News dalla scuola

Eventi, incontri e approfondimenti dalla scuola.

Dicono di noi:

Questo percorso l'ho iniziato 3 anni fà, la sensazione è di aver avuto due personalità, una nella realtà di tutti i giorni e l'altra in un mondo tutto diverso, dove risiede l'energia, la fantasia, l'allegria, la compagnia e tutto ciò che di bello si può fare!
Libertà di agire, fare e sperimentare!
Mi ha aiutato tantissimo a comprendere più me stessa a conoscere i miei limiti e le mie doti, ma più che un corso è stata una vera famiglia dove tutti eravamo allo stesso livello e crescevamo assieme.
Non ho mai provato una gioia così immensa, il tempo diventa relativo e il cuore si apre davanti a tutto ciò.
Devo ringraziare tutti i componenti di questa scuola e me stessa.
Spero che altra gente possa capire l'importanza e la bellezza dello shiatsu e lo stato di benessere che infonde.
Sarà sicuramente per me un inizio e non una fine e sono entusiasta che sia così.

Erica R.

Chioggia

Lo shiatsu é un percorso di vita che cambia le tue frequenze e di chi ti sta intorno!

Serena B.

Rovigo
Io sto cercando di fare un po' d'ordine tra i pensieri e l'enorme entusiamo di questa esperienza… e poi dopo tanto cercare ti trovi lì con una semplice pressioni di pollici… in pressione non più sotto pressione… un po’ di costanza, un po’ di disciplina (non troppa, giusto quella che serve) un po' di fiducia e le cose cominciano a cambiare, piano piano, un ostacolo alla volta, una conquista alla volta… le articolazioni si sgranchiscono, i dolori si attenuano, le contratture si sciolgono, i pensieri si schiariscono, le emozioni si equilibrano, le paure si ridimensionano, gli aiuti arrivano, le intuizioni nascono… piano piano, pollice dopo pollice… in cammino, ora disponibile al cambiamento, mai più sola, più autentica… fiduciosa!

Alessandra F.

Rovigo

Lo shiatsu per me è cambiamento, è benessere, è mettersi in discussione, è famiglia.
All’inizio ero molto scettica, ho cominciato un po’ per curiosità, grazie ad una lezione introduttiva.
L’energia e le sensazioni provate in quei due giorni mi hanno spinto a intraprendere il primo anno di corso shiatsu.
Fare shiatsu portava benessere a chi trattavo e più energia a me…una cosa stranissima!
Quando ho iniziato il primo anno di scuola mai avrei immaginato un anno del genere.
“Sarà un anno di cambiamenti” dicevano e così è stato! Infatti non è stato un anno facilissimo. Ho troncato relazioni e amicizie, mi sono messa in discussione.
Lo shiatsu mi ha aiutato a cambiare prospettiva, il modo di vedere la vita e di reagire agli eventi. Le cose per cui mi arrabbiavo prima, ora mi sembrano stupidaggini, non mi lascio trasportare dagli eventi ma inizio a mettermi in gioco, ad agire. Sento che sto crescendo, che sto migliorando, insomma mi piaccio un po’ di più.
Ho conosciuto la mia seconda famiglia, tra istruttori, assistenti e compagni. Sono orgogliosa di far parte di un gruppo di persone eccezionali, gruppo in cui mi sento capita e aiutata, in cui posso esprimermi per quello che sono senza essere giudicata.
Un grazie a me stessa, per essermi messa in gioco e per aver superato le varie difficoltà.
Ma un grazie ancora più grande al mio istruttore e agli assistenti per la passione che trasmettono, per il loro costante supporto, per la loro positività.
Infine un super abbraccio a tutti i miei compagni che hanno condiviso quest’anno tra difficoltà, seiza scomodi, domeniche mattine assonnate, ma anche tra soddisfazioni, piccole gioie e traguardi raggiunti.
Il percorso è ancora lungo, il cambiamento non finirà mai, ma non mi spaventa!
Vedere l’entusiasmo trascinante dei ragazzi del secondo e terzo anno mi trasmette forza e voglia di iniziare al più presto un nuovo percorso!

Laura G.

Rovigo

Come regalo di compleanno Claudia decide di regalare alla mamma Paola di 69 anni un mio trattamento Shiatsu.
Mamma e figlia mi hanno permesso entrambe al primo trattamento di prendere subito contatto con la loro pancia.
Quando finisco il trattamento, trovo una lacrima sul suo viso, sorride e mi dice: "volevo quasi dirlo ad alta voce ma non volevo disturbarti... ho visto una bellissima luce viola. Da subito, appena ho chiuso gli occhi! Pensavo fosse il tuo soffitto che magari essendo viola mi ha lasciato l'effetto ottico. Ma il tuo soffitto è bianco! È stato bellissimo!"
Paola ha fatto a me un bellissimo regalo il giorno del suo compleanno, un'emozione unica. Tanta pace e tanta gioia.
Lo Shiatsu è per tutti e da regalare a tutti.
Apre il cuore e ti fa non solo guardare, ma anche VEDERE il modo con l'Anima più pura e luminosa.
Grazie Paola.
Grazie Shiatsu.
Grazie a me.

Francesca D.

Verbania
Sono qui a testimoniare che ancora una volta il cuore è al centro dell'universo e dell'energia che ci circonda, ringraziare a volte è riduttivo perchè per quanto sia onorevole sembra sempre che non basti o che non renda giustizia abbastanza. Quest'anno ha dato una svolta definitiva alla mia vita, ha reso possibile la comprensione del prossimo, il sacrificio, la dedizione e la sopportazione.. senza contare che la mia anima e il mio cuore sono saliti di qualche gradino più in su grazie a una determinata frequenza specifica! Quindi che dire, con una goccia d'amore in più ogni giorno possiamo cambiare il mondo e grazie alla mia scuola, ai miei assistenti, ai miei compagni, al mio Master, ma soprattutto grazie allo Shiatsu ho capito che la vita reale è ben diversa da quella che ci viene servita tutti i santi giorni su un piatto d'argento...... con amore Paolo.

Paolo L.

Rovigo
Volevo proprio ringraziarvi per questa splendida "avventura", sono felice, onorata e ancora meravigliata per tutto quello che mi avete trasmesso.... e continuate a farlo. Vi sono immensamente grata....VI VOGLIO BENE.....PROPRIO TANTO BENE!!!! Non c'è nulla di più bello di una cosa vera. Ho imparato qualcosa che va oltre alla tecnica, va oltre alla professione, va oltre un insegnamento, va oltre..le aspettative. Quello che lo shiatsu mi ha donato, non si può descrivere, scrivere o spiegare, perché continua incessantemente a farmi cambiare, a farmi scoprire e accettare cose di me, del mondo e dell'Universo, continuamente... in un continuo fluire. Ho trovato uno "strumento" potente (e se vogliamo, un po' magico) per fare di me e dell'Universo un tutt'uno amorevole. Nello shiatsu ho un mio ruolo, ho un mio posto.... ho trovato un pezzo di me, del mio Cuore, della mia Anima e una grandissima e speciale famiglia di amici. Tutto vibra in nuova frequenza. Grazie Universo, Grazie di Cuore. Sei una parte di me... ritrovata! E la sensazione è indescrivibile

Cinzia M.

Rovigo

Mi sono avvicinata allo Shiatsu per curiosità...
Mi piace sapere come noi esseri umani funzioniamo e qui ho trovato molte risposte e non solo una tecnica da utilizzare ma una modalità di affrontare la vita in modo diverso, più consapevole ma anche più distaccata.
Ho conosciuto un modo per far stare bene e per stare bene io stessa , ma la ricchezza più grande ed inimmaginabile l'ho trovata in ciò che hanno portato tutte le persone che ho conosciuto: gli insegnanti con gli assistenti e noi allievi; i primi insieme hanno condiviso la loro competenza e conoscenza, la loro sapienza ed esperienza con le nostre esperienze ed incertezze per ottenere un'armonia unica: una frequenza specifica che unisce corpo, anima e spirito.
I 4 giorni dell'esame di fine corso mi hanno arricchito di una energia unica e particolare che a distanza di giorni mi regalano ancora benessere e vitalità.

Patrizia G.

Rovigo

Dire che lo shiatsu è cambiamento sarebbe riduttivo!
Un anno fa non capivo, ero curiosa e vorace di conoscenza ma, e me ne sono accorta poi, resistente!
Oggi direi che la mia vita non è cambiata ma è cambiato il mio modo di viverla!
Ho imparato a lasciar andare la paura, facendo appello a me stessa, mettendomi in contatto con me!
Ho imparato a lasciar andare la rabbia, verso la morte, verso la vita per ciò che mi aveva tolto!
Ho imparato ad accettare la morte, a sentire di più, a viverla come un altro stato dell' essere!
Ho imparato ad accogliere sentimenti, emozioni, paure, vivendole con normalità!
Ho imparato ad accettare e vivere l'amore, in tutte le sue forme, questo amore che sta dappertutto e si manifesta in ogni luogo, in ogni persona! Ho imparato che nulla succede per caso! Sto imparando a vivere sospendendo il giudizio!
Lo shiatsu per me è amore, quello vero, che non ha paura, che si fa sentire!
Lo shiatsu per me è accoglienza, accettazione, contatto, con me stessa prima di tutto, con gli altri, con una forma di spiritualità supreriore!
Lo shiatsu è rispetto!
In questo anno, nonostante le difficoltà, economiche, relazionali con tutto il resto del mondo, la difficoltà a lasciar andare le resistenze, é stato un anno di apertura!
Aver condiviso tutto questo con mio marito ha arricchito la nostra relazione e la nostra famiglia! Il ben pensare ha tenuto lontane le malattie, lasciando spazio all'amore!
Oggi, dopo l'esperienza di questi tre gg insieme, mi sento ricca, e non mi sento più sola! Sono piena di fiducia e di grinta!
Mi scuso se mi sono dilungata troppo! Grazie per l'opportunità!

Glenda I.

Rovigo

Il 2° anno di shiatsu per me è stato un attimo della mia vita, che mi ha posto di fronte a grandi interrogativi
e che ha messo a dura prova la mia tenacia, la mia capacità di andare in
profondità (nelle cose, nelle persone), la mia sensibilità, la mia perseveranza.
Perché il 2° anno di shiatsu è una tappa decisiva:
non è il primo approccio né il momento del bilancio;
è la parte centrale del percorso, il nocciolo, il cuore;
quello in cui, sì, si affina la conoscenza dei punti,
ma soprattutto quello in cui si prende confidenza con il “sentire”,
un sentire con il cuore; un’attitudine a cui l’uomo non è avvezzo
e che ha misurato la nostra pazienza.
La pazienza, che l’etimologia riconduce alla sofferenza,
in realtà è tutt’altro: è la capacità di sopportare le difficoltà,
di non farsi abbattere dalle stroncature, di saper attendere
davanti a ciò che, almeno nell’immediato, non possiamo fronteggiare.
Ma il vero pregio dell’uomo paziente è che, pur dandosi tempo,
non si rassegna e si pone nell’attiva ricerca di vie alternative,
che l’insofferenza, al contrario, non potrebbe mai consentire.
Lo shiatsu, questo grande maestro!

Giuseppe C.

Rovigo

Quest’anno sono arrivata all’esame con una grande emozione: l’ultimo anno, l’ultimo esame.
Ma anche, intendevo io, la fine di un percorso di tre anni che ne ha vista passare di vita, di eventi, di figli, di lavoro, di amicizie, di trattamenti..
Mi sembrava un po’ l’emozione degli esami di maturità, dove poi non sai bene dove andare, che università scegliere. Soprattutto in questi percorsi, inizi, ma non sai bene quando finisci, quando finisci di crescere ?
L’esame: una prova tecnica, una prova di cuore, diciamo varie prove, ma quella che mi ha colpito di più è la prova del ricevere un trattamento del primo anno, e uno del secondo anno.
E’ stato un flash, un flash della purezza del primo anno, della prima elementare, della prima volta che facciamo qualcosa. Stiamo attenti, è tutto nuovo, stiamo meravigliati, stupiti, perché non sappiamo cosa accade. Stiamo nella fiducia, perché quello che arriva dopo, dipende da questo.
Stiamo nel respiro, stiamo perpendicolari, stiamo dentro, e non fuori.
Ricevere il trattamento del compagno di primo anno, è stata una delle più belle emozioni dell’esame, perché mi ha ricordato quanto l’entusiasmo, la sorpresa, sono gli atteggiamenti che creano i migliori effetti, aldilà di tutte le tecniche che si aggiungono nel cammino.
Il secondo trattamento arriva dal secondo anno. La profondità, l’entrare con meticolosità in tutti i particolari, l’analitico.. anche qui provo stupore, nel ricordare quanta pazienza, quanti dubbi, ma quanta profondità c’è nel secondo anno. Avviene lì un profondo cambiamento, una profonda opportunità di pulizia, di conoscenza di chi siamo veramente, in fondo, in fondo.
Che dire del mio anno, il terzo? Ci si può perdere tra tutte le informazioni, le novità, perché la cassetta degli attrezzi si fa davvero piena, a volte non sai quale attrezzo scegliere: il cacciavite, la brugola, il trapano...?
Quando sei in difficoltà, torni dalla mamma, calda, accogliente, quel bel kata’, il katà del primo anno. Il terzo come il primo, il secondo come il terzo. Lo shiatsu è semplice. È al primo, al secondo, al terzo, agli anni di assistenza. Si fa sempre più semplice, più vicino al nostro modo di essere, e la pressione, quella vera, è la pressione che arriva dal cuore, attraversa le braccia, e si concentra in quel pollice. La pressione che arriva dal cuore, e, ad esso, ritorna.
Avevo bisogno di rivedere, risentire questo film, e di capire che ho ancora voglia di un primo anno, un secondo anno, un terzo anno, di sperimentare e di sentirmi con tanti amici, ancora in cammino, il gusto è in quel cammino, non conta più in che anno sei, conta che ci sei, e che con te ci sono persone che hanno, come te, deciso di lasciarsi attraversare dall’onda e dalla pressione del cuore.. dello Shiatsu..
Buon cammino e grazie a tutti.

Martina G.

Rovigo

I nostri numeri